Timeless Passion

Una webserie israeliana racconta la passione Alfa Romeo

Quattro modelli d’epoca, quattro gentlemen driver, quattro episodi imperdibili per tutti gli appassionati di Alfa Romeo classiche: è online la web serie ambientata negli incantevoli scenari dell’ Holy Land 1000 Tour, l’evento israeliano che racconta l’essenza della passione Alfa Romeo.


L’Holy Land 1000 Tour è un appuntamento da sogno - c’è chi sostiene che sia il più avvincente al mondo – dedicato alle vetture sportive e da corsa realizzate prima del 1965.

Un rally di sei giorni articolato su mille miglia che, in un vero e proprio Grand Tour tra la storia e le bellezze naturali di Israele, attraversa luoghi incantevoli e differenti per cultura, clima e topografia. La partenza è fissata sulla costa mediterranea a Tel Aviv, poi la corsa attraversa il meraviglioso deserto del Negev, raggiunge le cime innevate delle alture del Golan, lambisce il Mar Morto, prosegue verso la città di Eilat sul Mar Rosso, continua alla volta del lago di Galilea e si conclude a con il ritorno a Tel Aviv.

Nonostante sia un evento molto giovane, nato nel 2015, quest’anno l’Holy Land Tour 1000 ha saputo attirare 77 team da tutto il mondo. E tra di loro c’erano anche quattro alfisti di comprovata fede: Ven Fonte al volante della sua Alfa Romeo 6C 1750 Gran Sport del 1933, Roni Finkler, proprietario di una Alfa Romeo Giulia 1300 TI del 1969, Roger Cassin a bordo di una Alfa Romeo 1900 CSS del 1954 e Haim Cohen, con la sua Alfa Romeo Giulia GTC del 1965.

La web serie “Timeless Passion”, ideata da Shelly Shpilman Yar e da Hanni Itzhaki, nasce dalla voglia di raccontare le loro storie. In quattro episodi, dedicati ciascuno a un modello e a un proprietario, conosciamo le avventure di quattro prestigiose Alfa Romeo realizzate in epoche diverse, scopriamo la passione di quattro veri intenditori di automobili d’epoca e viviamo con loro le emozioni dell’Holy Land 1000 Tour.

Dagli aneddoti di infanzia al ricordo della prima auto, dalle passione per la meccanica e per il design al forte senso di appartenenza che ogni proprietario ha verso la propria vettura: il filo conduttore di tutte le storie è il legame viscerale con Alfa Romeo.


“Non credo sia una cosa che puoi controllare: a qualcuno piace suonare il piano, a qualcuno piace andare in barca, la mia passione sono le auto.”

Le parole di Ven Fonte, uno dei quattro protagonisti di “Timeless Passion”, sintetizzano perfettamente quel senso di appartenenza e quell’attitudine che contraddistingue gli alfisti di tutto il mondo. E poi, che strada prenda la passione e a quale meta porti, è una storia sempre diversa ed emozionante.

Roni Finkler, invece, deve la sua passione a suo padre. Quando a tredici anni tornò a casa con un’auto comprata nel villaggio vicino si guadagnò un mese di punizione; ma poi, al compimento della maggiore età, il padre aveva capito che la passione per le automobili era più forte di lui e gli regalò un’Alfasud. E oltre al divertimento assicurato, l’Holy Land 1000 tour offre a Roni una grande occasione: “Capisco che non sono l’unico folle a cui piacciono così tanto le auto d’epoca. E qui si trovano modelli davvero eccezionali.”

Roger Cassin, invece, è sempre stato uno a cui piaceva mettere le mani nei motori, toccare le parti meccaniche, ma ora che ha tanti modelli di cui prendersi cura, ha scoperto che la sua vera passione è guidare. Soprattutto quando si tratta di gare storiche.

“Amo troppo avere tra le mani il volante, sentire i pedali sotto ai piedi ed ormai lascio a qualcun altro la possibilità di avvitare dadi e bulloni.”

Haim Cohen sostiene che la sua Alfa Romeo sia una vera e propria macchina del tempo, con cui tornare ai tempi in cui si era bambini e si sognavano auto come quelle che partecipano all’Holy Land 1000 Tour.

“Stringere il volante di un’auto vintage mi ricorda di quando avevo ventidue, ventitré anni. Guidavo già delle Alfa Romeo ed ero così entusiasta di queste auto! Oggi sono qui, trent’anni dopo, con in faccia lo stesso stupido sorriso di allora.”

“Timeless Passion” è una narrazione sincera e originale che racconta il passato delle auto, il presente degli appassionati e il futuro della passione stessa, come suggerisce Haim. “Vorrei che i miei figli si affezionassero alla mia Alfa Romeo. Spero che tengano quest’auto e si ricordino sempre che questa era l’auto del loro padre. Per me sarebbe molto importante.”

Video photographer credit - Roee Shalti

Guarda il video
Guarda il video
Guarda il video
Guarda il video
Guarda il video
Guarda il video
Guarda il video
Guarda il video

Rimani aggiornato sulle news, gli eventi, gli approfondimenti dal mondo Heritage.