Il mondo di Heritage
Tutto sul dipartimento che valorizza il patrimonio storico Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
La storia delle nostre auto e dei nostri marchi
La passione per le auto classiche non ha confini, ma esistono luoghi definiti nello spazio e sospesi nel tempo che conservano l'essenza di questa passione. Sono i luoghi di Heritage.
Centro Storico Fiat
Heritage HUB
Officine Classiche
Museo Alfa Romeo
Heritage Gallery
Heritage Point
Un mondo di grandi eventi internazionali
La presenza ai principali eventi del settore è un'occasione imperdibile per ammirare da vicino vetture leggendarie che hanno segnato generazioni di appassionati.
Gli ultimi eventi:
Como (IT) |
25 - 26 maggio 2024
Fuori Concorso
L’Heritage di Stellantis protagonista a “FuoriConcorso”
Bologna (IT) |
26 al 29 ottobre 2023
Auto e Moto d’Epoca 2023
Ospite d’onore la nuova Alfa Romeo 33 Stradale.
Le storie Heritage
Raccontiamo un secolo di tecnica, stile, agonismo e performance. Raccontiamo la nostra storia, e le vostre.
Le ultime storie:
CURIOSITÀ
Ci sono connessioni che creano grandi storie.
Lancia D24 Spider Sport
I successi della Scuderia Lancia
Alfa Romeo Giulietta Sprint
La fidanzata d’Italia.
Il mondo di Heritage è in continua evoluzione
Resta sempre aggiornato con le ultime news, non perderti le collaborazioni più recenti e scopri i retroscena e gli aneddoti nelle interviste agli addetti ai lavori.
Le Ultime News
12 aprile 2024
Heritage rende omaggio alla leggenda Abarth con due tributi di grande fascino
Un’esposizione temporanea e l’annuncio del progetto Abarth Classiche 1300 OT.
17 novembre 2023
Stellantis Heritage a Milano AutoClassica
Il debutto della Fiat Multipla 6x6 ed il tributo ad Autodelta
Scopri i nostri club di marca e modello in tutto il mondo
Usa il nostro locator per trovare i club per marca e modello più vicini a te.
La storia di quattro grandi brand dell'automobilismo italiano
Dai modelli più rappresentativi ai personaggi più vincenti e rivoluzionari, dagli eventi che hanno rappresentato, questa sezione racconta e celebra i pilastri di Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
Da oggi la tua passione può contare su una squadra d'eccellenza
Certificato d'origine, certificazione d’autenticità, restauro. Per garantire il fascino senza tempo della tua auto.
La boutique del classico
Entra in un mondo fatto di passione. Un'ampia gamma di prodotti proposti da Heritage per alimentare la tua passione senza tempo.
Auto in vendita
Reloaded by creators è il progetto di Heritage che prevede la vendita di un numero limitato di vetture classiche dei brand Alfa Romeo, Fiat, Lancia, Abarth: modelli storici, dall'autenticità certificata e riportati alla bellezza originaria direttamente dalla Casa Madre.
Indietro

850 TC: il Turismo Competizione secondo Abarth

La 600 che vince in pista.

In pieno boom economico e demografico degli anni Sessanta, l’Italia è motorizzata da Fiat con le 500 e le 600. Da entrambe Carlo Abarth riesce a ricavare delle maneggevoli vetturette tutto pepe che strapazzano le concorrenti nei circuiti europei creando il mito dello Scorpione.


Nel febbraio del 1961 Carlo Abarth produce una delle più fortunate trasformazioni della sua carriera. Partendo dalla Fiat 600 D, dotata di un quattro cilindri in linea di 767 cm3 e portandone l’alesaggio a 62,5 e la corsa a 69 mm, ne incrementa la cilindrata fino a 847 cm3. Coi nuovi pistoni il rapporto di compressione sale a 9,2:1 e, grazie all’adozione di un nuovo asse a camme più spinto, un carburatore Solex da 32, un nuovo filtro dell’aria, un diverso albero motore e uno scarico adeguato all’impiego sportivo, il motore raggiunge i 52 cavalli a 5800 giri/minuto. La vettura così trasformata arriva a raggiungere i 140 km/h, e si rende necessario intervenire sull’impianto frenante nel quale i dischi prendono il posto dei tamburi alle ruote anteriori.

Ma uno dei punti deboli della 600 D è la collocazione del radiatore dell’acqua posto accanto al motore nel vano posteriore che, benché dotato di ventola fissa, non riceve abbastanza aria. Abarth comincia a risolvere il problema modificando la coppa e inserendo nel circuito di lubrificazione un radiatore dell’olio, inizialmente posizionato sotto l’abitacolo ma in seguito spostato fin sotto al paraurti anteriore. Questa idea evolve successivamente fino a caratterizzare il famoso muso dell’Abarth 1000, in cui il paraurti anteriore è sostituito da una prominente vistosa struttura che regge entrambi i radiatori: acqua e olio. 

Trasformando la tranquilla vettura di famiglia in una maneggevole, leggera e scattante belva da corsa, Carlo Abarth crea l’arma perfetta per la le competizioni: l’Abarth 850 TC, la cui sigla significa appunto Turismo Competizione.

FIAT-ABARTH 850 TC - 1961-1969
FIAT-ABARTH 850 TC - 1961-1969
MOTORE
4 cilindri in linea benzina, posteriore longitudinale, albero a camme laterale, valvole in testa 847 cm³
POTENZA
52 CV a 5.800 giri/minuto
VELOCITÀ
140 km/h
PESO
610 kg
DESIGN
Fiat
CARROZZERIA
Berlina 2 porte 4 posti

Fiat fornisce le 600 prive di alcuni elementi, l’Abarth esegue la trasformazione per le competizioni, ma costruisce anche dei kit per i clienti amanti del fai da te, che possono trasformare da soli la propria 600.


Le  vittorie nei circuiti europei non tardano a venire. Sono le gare di durata a mettere in evidenza non tanto e non solo le prestazioni dell’850 TC e delle sue ulteriori evoluzioni  (come le 1000 fino alla Radiale), ma anche l’affidabilità del sapiente lavoro svolto dall’Abarth.  Per avere un’idea basta menzionare la 500 chilometri del 1961, corsa sulla mitica Nordschleife del circuito del Nürburgring in Germania. Dietro alla doppietta assoluta delle Abarth 1000 bialbero iscritte nella classe GT1000, altre due Fiat-Abarth 1000 si piazzano al 5° e al 6° posto, mentre una rara coupé Abarth 700 bialbero, 8a assoluta, vince la classe GT700. E ancora: 12a, 13a, e 14a tre Abarth 850 TC occupano i primi tre posti del podio della classe Turismo.

Curiosa, invece, la storia dell’esemplare che appartiene alla collezione Heritage. Si tratta di una Fiat-Abarth 850 TC prodotta nel 1964 ed appartenuta alla Guardia di Finanza che la utilizzava come vettura “civetta” impiegata nel servizio di prevenzione e repressione del contrabbando. Esternamente, la vettura era identica alle migliaia di Fiat 600 che all’epoca affollavano le strade italiane e poteva quindi passare facilmente inosservata, ma all’occorrenza sfoggiava prestazioni inaspettate.

L'esemplare, giunto presso le Officine Classiche in condizioni di "barn find", ha richiesto un lungo e laborioso lavoro di restauro.

Il piano ha previsto un lavoro iniziale di intervento sulla carrozzeria - che il team di esperti ha riportato allo stato di nuda lamiera attraverso la termosverniciatura (trattamento pirolitico) - necessario per avere un quadro completo delle operazioni di ripristino da effettuare.

Le parti corrose, individuate dopo questa fase, sono state quindi sostituite e ricostruite artigianalmente dal reparto Carrozzeria. Successivamente, la scocca della vettura è stata preparata, attraverso lavorazioni di primerizzazione e applicazione di fondi protettivi, per la verniciatura.

Altri importanti interventi sono stati eseguiti sulle parti meccaniche dell’auto, sul sistema frenante ed elettrico, sulla trasmissione, le sospensioni e hanno interessato anche il ripristino completo del sistema motopropulsore.

In tutte le fasi, il team Heritage coinvolto nell’operazione di restauro ha lavorato attentamente per preservare le componenti originali marchiate Abarth.

Tutte le operazioni di intervento, durate oltre due anni, hanno coinvolto numerose professionalità del distretto industriale di Mirafiori - con cui le Officine Classiche lavorano abitualmente in sinergia - e hanno riportato la vettura a splendere in tutto il suo fascino originale.

Rimani aggiornato sulle news, gli eventi, gli approfondimenti dal mondo Heritage.