Il mondo di Heritage
Tutto sul dipartimento che valorizza il patrimonio storico Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
La storia delle nostre auto e dei nostri marchi
La passione per le auto classiche non ha confini, ma esistono luoghi definiti nello spazio e sospesi nel tempo che conservano l'essenza di questa passione. Sono i luoghi di Heritage.
Centro Storico Fiat
Heritage HUB
Officine Classiche
Museo Alfa Romeo
Heritage Gallery
Heritage Point
Un mondo di grandi eventi internazionali
La presenza ai principali eventi del settore è un'occasione imperdibile per ammirare da vicino vetture leggendarie che hanno segnato generazioni di appassionati.
Gli ultimi eventi:
Bologna (IT) |
26 al 29 ottobre 2023
Auto e Moto d’Epoca 2023
Ospite d’onore la nuova Alfa Romeo 33 Stradale.
Rho (MI) |
17 - 19 Novembre 2023
Milano AutoClassica 2023
Il debutto della Fiat Multipla 6x6 ed il tributo ad Autodelta
Le storie Heritage
Raccontiamo un secolo di tecnica, stile, agonismo e performance. Raccontiamo la nostra storia, e le vostre.
Le ultime storie:
CURIOSITÀ
Ci sono connessioni che creano grandi storie.
Alfa Romeo 33
La linea.
Fiat Coupé
Nuovo stile per la ritrovata sportività.
Il mondo di Heritage è in continua evoluzione
Resta sempre aggiornato con le ultime news, non perderti le collaborazioni più recenti e scopri i retroscena e gli aneddoti nelle interviste agli addetti ai lavori.
Le Ultime News
17 novembre 2023
Stellantis Heritage a Milano AutoClassica
Il debutto della Fiat Multipla 6x6 ed il tributo ad Autodelta
02 ottobre 2023
Heritage celebra i 30 anni della mitica Fiat Punto
Prodotta in oltre nove milioni di unità e in tre generazioni, ha dominato il segmento B per 25 anni, stabilendo nuovi standard in termini di design, sicurezza e comfort.
Scopri i nostri club di marca e modello in tutto il mondo
Usa il nostro locator per trovare i club per marca e modello più vicini a te.
La storia di quattro grandi brand dell'automobilismo italiano
Dai modelli più rappresentativi ai personaggi più vincenti e rivoluzionari, dagli eventi che hanno rappresentato, questa sezione racconta e celebra i pilastri di Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
Da oggi la tua passione può contare su una squadra d'eccellenza
Certificato d'origine, certificazione d’autenticità, restauro. Per garantire il fascino senza tempo della tua auto.
La boutique del classico
Entra in un mondo fatto di passione. Un'ampia gamma di prodotti proposti da Heritage per alimentare la tua passione senza tempo.
Auto in vendita
Reloaded by creators è il progetto di Heritage che prevede la vendita di un numero limitato di vetture classiche dei brand Alfa Romeo, Fiat, Lancia, Abarth: modelli storici, dall'autenticità certificata e riportati alla bellezza originaria direttamente dalla Casa Madre.
Indietro

Quando l'Abarth elaborò la 131 Diesel

Londra - Sidney in 45 giorni

Alla fine degli anni ’70, Fiat decise di lanciare sul mercato una versione a gasolio della berlina 131 Mirafiori e decise di testarla, prima della presentazione ufficiale, in un’incredibile gara di resistenza, da Londra a Sidney: l’ottimo risultato fece da trampolino al successo commerciale.


Avendo deciso di presentare la nuova versione diesel nell’aprile 1978 al Salone di Torino, Fiat decise di iscrivere a scopo promozionale tre vetture di pre serie, adeguatamente preparate da Abarth, al raid Londra - Sidney, una gara intercontinentale di resistenza particolarmente impegnativa cui partecipavano diverse Case costruttrici.

Il propulsore diesel, prodotto a Foggia negli stabilimenti della SOFIM, è un quattro cilindri da 2,5 litri di cilindrata, capace di erogare 72 cavalli a 4.200 giri/minuto. L’ingombro maggiore richiese l’adozione di una gobba sul cofano motore, che diventò caratteristica di tutte le 131 Diesel.  

Una delle quattro vetture venne utilizzata per effettuare tutti i collaudi, al termine del quale gli uomini dell’Abarth iscrissero le altre tre al raid. L’attività di preparazione curata dall’Abarth era iorientata sostanzialmente a permettere alle vetture di sopportare gli sforzi prolungati cui sarebbero state sottoposte in gara. Il paraurti anteriore venne utilizzato per fissare i grossi Cibiè Super Oscar come fari ausiliari, gli attacchi del parabrezza vennero rinforzati; i parafanghi allargati e i cerchi erano  ereditati dalle 131 Abarth rally, così come il rollbar di sicurezza e i ganci ferma cofano e baule.

FIAT 131 ABARTH DIESEL - Londra - Sidney 1977
FIAT 131 ABARTH DIESEL - Londra - Sidney 1977
MOTORE
4 cilindri in linea Diesel, anteriore longitudinale, 2445 cm³ (prodotto da SOFIM)
POTENZA
72 CV a 4.200 giri/minuto
VELOCITÀ
145 km/h
PESO
1150 kg
DESIGN
FIAT - Abarth
CARROZZERIA
Berlina

Due vetture giunsero al traguardo di Sidney e fu un doppio successo: 15° e 23° posto nella classifica assoluta e soprattutto primi e secondi tra le vetture Diesel! Prima ancora della sua presentazione ufficiale la 131 Diesel aveva fatto parlare molto, e molto bene, di sé.


Il 14 agosto 1977 alla partenza di Londra erano schierate tre Fiat 131 Abarth Diesel: la n°6 condotta dall’equipaggio francese composto da Robert Neyret (specialista del Rally del Marocco) e Marianne Hoepfner (esperta pilota di rally e raid); n° 26 dell’equipaggio italiano con Giancarlo Baghetti (pilota di Formula1 degli anni ‘60 di Ferrari, Lotus, Brabham, BRM e ATS) con Tommaso Carletti (ingegnere Fiat, responsabile del reparto esperienze) e la n° 66 l’equipaggio femminile delle giovani francesi Evelyne Vanoni e Christine Dacremont. In totale partirono un’ottantina di vetture.

La competizione era organizzata dalla compagnia aerea di Singapore, che attraverso il passaggio del raid congiungeva tutti i suoi principali scali. La partenza da Londra avvenne da Covent Garden, dal quale le vetture si diressero verso la costa per il primo traghetto che conduceva, nella notte, in Olanda. Raggiunt il continente uno zig zag tra Amsterdam, Francoforte, poi Parigi e tappa a Milano. Undici ore per attraversare la Jugoslavia, poi infine in Grecia, dove gli equipaggi si sarebbero potuti riposare dopo quattro giorni e quattro notti di guida ininterrotta. La necessità di recuperare i ritardi accumulati permise a pochi equipaggi di riposare veramente. 

Da Atene iniziò la parte più competitiva: Salonicco, Istanbul, Ankara, fino a Teheran. 400 km di deserto di sale fino a Tabas in Iran. Poi a nord-est a Fariman, tutto l'Afghanistan a Herat e Kandahar, a Kabul, il passaggio a Nord Ovest, in Pakistan, poi:  Delhi e Bombay. Proseguendo per Bangalore, e via nave in Malesia. Da Penang, due  tappe nelle piantagioni di gomma, via Taiping, Ipoh, Tanjong Malim, Port Dickson sulla costa, e poi da Muar nel sud della Malaysia a Labis, Kluang, Jemaluang, Johor Bahru a finalmente Singapore. La parte successiva australiana fu di 13.200 km percorsi in sette giorni e 16 ore.  

Il percorso di gara, per la maggior parte su strade non asfaltate, superò i 30.000 km e i 30 giorni previsti diventarono 45. Due 131 giunsero al traguardo a Sidney il 27 settembre e la vettura di Neyret/Hoephner vinse la categoria, garantendo un’eccellente pubblicità alla 131 Diesel che venne presentata a Torino pochi mesi dopo.

Guarda il video

Rimani aggiornato sulle news, gli eventi, gli approfondimenti dal mondo Heritage.