Alfa Romeo 6C 1500 Super Sport

La gloria della 1OOO Miglia

Il brillante sei cilindri in linea caratterizza l’indole sportiva dell’Alfa Romeo 6C 1500, che dalla vittoria di Campari/Ramponi alla Mille Miglia del 1928 diventa protagonista delle corse della fine degli anni Venti.


L'Alfa Romeo 6C 1500 Sport nasce nel 1928 proprio all’insegna delle competizioni: il compatto sei cilindri in linea di soli 1467 cm3, in virtù del doppio asse a camme in testa, del rapporto di compressione maggiorato e del carburatore doppio corpo passa da 44 a 54 cavalli. 

Sono le versioni Spider, perlopiù carrozzate da Zagato, Castagna e Touring a catturare l’interesse dei gentlemen driver per essere impiegate nelle corse, leggere agili e scattanti dietro il lungo cofano che nasconde l’eccellenza meccanica del plurifrazionato gioiello di ingegneria meccanica.

Per aumentare ulteriormente le prestazioni, alla versione con carburatore doppio corpo viene affiancata una con compressore e carburatore singolo, denominata Super Sport: la potenza sale a 76 cavalli a 4800 giri/minuto e la velocità massima passa da 130 a 140 km/h. 

Solo 31 esemplari di Alfa Romeo 6C 1500 nelle versioni Super Sport e Mille Miglia Speciale vengono prodotti dal 1928 al 1929: sei esemplari nella versione “testa fissa” da 84 Cv, 10 con compressore e 15 senza.


Il 1 aprile 1928 un’Alfa Romeo 6C 1500 SS della squadra corse ufficiale - condotta dall'equipaggio Campari/Ramponi - si aggiudica la seconda edizione della Mille Miglia: è l'inizio della leggenda Alfa Romeo nella celeberrima corsa, che vedrà la Casa milanese sul gradino più alto del podio di Brescia per altre 10 volte: un record storico che non potrà mai essere battuto. Negli stessi anni l’ex ufficiale della Guardia Russa Boris Ivanowski, trasferitosi a Parigi al termine della grande guerra, si distingue per le sue vittorie fuori dall’Italia: in coppia con Marinoni conquista la 24 ore di Spa del 1928, da solo vince la Coupe Georges Boillot; mentre l’anno successivo vince ancora, in Irlanda, la Irish GP Saorstat Cup.

Prima di diventare uno dei più grandi costruttori di auto sportive, un giovane Enzo Ferrari, a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 SS, nel 1927 vince in coppia con Giulio Ramponi sul circuito di Modena, bissando la vittoria in coppia con Eugenio Siena l’anno successivo. Sempre nel ’28 vince sul circuito di Alessandria, gare che lui stesso definisce locali, ma che saranno le fondamenta della radiosa carriera legata alle corse del Drake.

L'esemplare proveniente dal Museo Alfa Romeo di Arese ha già vinto due edizioni "rievocative" della Mille Miglia: nel 2005 e nel 2007, conquistando anche oltre oceano la Mille Millas Sport in Argentina nel 2007 e 2008. Questa arzilla Alfa Romeo non ha ancora smesso di correre e di vincere sulle strade di tutto il mondo!

Rimani aggiornato sulle news, gli eventi, gli approfondimenti dal mondo Heritage.