Il mondo di FCA Heritage
Tutto sul dipartimento che valorizza il patrimonio storico Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
La storia delle nostre auto e dei nostri marchi
La passione per le auto classiche non ha confini, ma esistono luoghi definiti nello spazio e sospesi nel tempo che conservano l'essenza di questa passione. Sono i luoghi di Heritage.
Centro Storico Fiat
Heritage HUB
Officine Classiche
Museo Alfa Romeo
Heritage Gallery
Heritage Point
Un mondo di grandi eventi internazionali
La presenza ai principali eventi del settore è un'occasione imperdibile per ammirare da vicino vetture leggendarie che hanno segnato generazioni di appassionati.
Gli ultimi eventi:
Cesana-Sestriere (IT) |
11 luglio 2021

Cesana-Sestriere
La Lancia Aurelia B20 del 1951 protagonista della parata.
Italia |
16-19 giugno 2021
1000 Miglia
La corsa più bella del mondo
Le storie Heritage
Raccontiamo un secolo di tecnica, stile, agonismo e performance. Raccontiamo la nostra storia, e le vostre.
Le ultime storie:
Lancia Lambda
Il capolavoro di Vincenzo Lancia
La Fiat Multipla e il design funzionale
L’importanza di usabilità ed efficienza nella progettazione.
Il design nel mondo automotive
Dalla Fiat 500 “Topolino” alla Citroën 2 CV, la filosofia dietro la tecnica.
Il mondo di FCA Heritage è in continua evoluzione
Resta sempre aggiornato con le ultime news, non perderti le collaborazioni più recenti e scopri i retroscena e gli aneddoti nelle interviste agli addetti ai lavori.
Le Ultime News
15 luglio 2021
Fiat 500 F alla mostra “Automania” del MoMA
L’auto icona di stile e design italiano protagonista a New York.
5 luglio 2021
Fiat 130 HP al Trofeo Salvarola Terme
Lo straordinario cimelio storico protagonista del Concours d'Elegance.
Scopri i nostri club di marca e modello in tutto il mondo
Usa il nostro locator per trovare i club per marca e modello più vicini a te.
La storia di quattro grandi brand dell'automobilismo italiano
Dai modelli più rappresentativi ai personaggi più vincenti e rivoluzionari, dagli eventi che hanno rappresentato, questa sezione racconta e celebra i pilastri di Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
Da oggi la tua passione può contare su una squadra d'eccellenza
Certificato d'origine, certificazione d’autenticità, restauro. Per garantire il fascino senza tempo della tua auto.
La boutique del classico
Entra in un mondo fatto di passione. Un'ampia gamma di prodotti proposti da FCA Heritage per alimentare la tua passione senza tempo.
Indietro

Autobianchi A112 Abarth 58 HP

58 cavalli e uno scorpione

L’italo-austriaco Karl Abarth inizia la sua carriera negli anni Cinquanta come elaboratore di auto per le corse e poi come produttore di marmitte e componenti meccaniche speciali, fino a diventare costruttore di vetture sportive e da competizione in piccola serie. Nel 1971 la Fiat acquisisce l’Abarth: la prima creatura con lo scorpione di questo nuovo corso è l’A112 Abarth.


Con la presentazione dell’Autobianchi A112 al Salone di Torino del 1969 il gruppo Fiat risponde brillantemente al successo delle Mini. Più capiente, rifinita e lussuosa della concorrente britannica, l’A112 è una compatta a trazione anteriore 2 porte con portellone che diventa immediatamente una best seller, con lunghi tempi d’attesa a dimostrazione del notevole successo. Occorre però una versione ancor più “pepata” per erodere mercato anche alle Mini Cooper. Con la supervisione di Carlo Abarth, che ha recentemente rafforzato il rapporto con il gruppo Fiat, nel 1971 nasce l’A112 Abarth.

Con le tecniche a lui care, Abarth lavora soprattutto sul motore per migliorare le prestazioni: aumenta la cilindrata del 4 cilindri, che passa da 903 a 982 cm3, e modifica diversi componenti chiave. Per dare la giusta quantità di benzina e il giusto “respiro” al motore, la trasformazione meccanica si completa con l’adozione di un carburatore doppio corpo e la modifica della linea di scarico. Favorendo più l’incremento della coppia in basso  che la potenza massima in alto, il motore eroga 58 cavalli a 6.600 giri al minuto.

Modifiche importanti anche al cruscotto, che si arricchisce di strumenti sportivi come il contagiri, l’amperometro e manometro e termometro dell’olio, mentre i sedili sono più avvolgenti e un volante a tre razze in alluminio con corona in pelle completa l’allestimento sportivo degli interni. Inizialmente le A112 Abarth hanno una sola livrea rosso corsa con cofano nero opaco e fasce nere nella parte bassa delle fiancate, mentre sulla griglia anteriore spicca la scritta Autobianchi Abarth.

AUTOBIANCHI A112 ABARTH 58 HP - 1974
AUTOBIANCHI A112 ABARTH 58 HP - 1974
MOTORE
4 cilindri in linea, anteriore trasversale, carburatore doppio corpo, 982 cm³
POTENZA
58 CV a 6.600 giri/minuto
VELOCITÀ
Oltre 150 km/h
PESO
690 kg
DESIGN
Dante Giacosa
CARROZZERIA
Berlina 2 volumi, 3 porte, 4 posti

La presentazione ufficiale avviene al Salone dell’Automobile di Torino nell’ottobre del 1971, scatenando la caccia all’acquisto da parte del pubblico entusiasta.


L'A112 Abarth si dimostra subito agile e brillante, a volte persino più parca nei consumi dell'A112 normale. Unico neo è la tendenza, a volte, di surriscaldare il lubrificante. Per questa ragione, prima ancora del lancio della seconda serie che debutta al Salone di Ginevra del 1973,  il motore viene dotato di un radiatore dell’olio e compaiono nuove colorazioni; gli interni si arricchiscono grazie all’adozione di sedili reclinabili con poggiatesta regolabile. Cambia l’aspetto della calandra in cui le cromature di paraurti e cerchi fari vengono sostituite da plastiche nere. I fari anteriori vengono potenziati con le lampade allo iodio e nella lista degli optional entrano i cerchi in lega e il lunotto termico.

La novità più rilevante della terza serie a partire dal 1975 è l’arrivo del nuovo motore da 1059 cm3 in grado di erogare 70 cavalli, che viene affiancato a quello da 58 che resta ancora a listino. Seguiranno altre serie con il solo motore 70 HP e poche modifiche alla carrozzeria che cambia leggermente nella parte posteriore diventando così 5 posti. La meccanica resta invariata a parte la modifica del cambio che passa da 4 a 5 marce nella 5a serie. La produzione termina con la settima serie nel 1985 dopo oltre 121mila esemplari prodotti in quasi 15 anni. Un successo nel successo che vede circa il 10% di tutte le A112 prodotte fregiarsi dello scorpione Abarth.

L’impiego nelle corse diventa subito naturale, soprattutto nei rally, tanto che il gruppo Fiat decide di creare un campionato monomarca per aspiranti giovani piloti. La trasformazione con roll-bar, cinture, impianto antincendio, fari supplementari e protezione per la coppa dell’olio non è molto costosa, sono quindi tantissimi i giovani piloti che scelgono questa strada per dimostrare le proprie capacità. Il Trofeo A112 si svolge all’interno di gare nazionali e internazionali, dimostrandosi una perfetta formula di promozione della vettura ma soprattutto arma vincente per far crescere i giovani piloti italiani. Dal volante delle A112 Abarth sono passati piloti del calibro di Bettega, Cunico, Tabaton, Caneva, Cinotto e moltissimi altri.

Rimani aggiornato sulle news, gli eventi, gli approfondimenti dal mondo Heritage.