Il mondo di FCA Heritage
Tutto sul dipartimento che valorizza il patrimonio storico Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
La storia delle nostre auto e dei nostri marchi
La passione per le auto classiche non ha confini, ma esistono luoghi definiti nello spazio e sospesi nel tempo che conservano l'essenza di questa passione. Sono i luoghi di FCA Heritage.
Centro Storico Fiat
Heritage HUB
Officine Classiche
Museo Alfa Romeo
Heritage Gallery
Heritage Point
Un mondo di grandi eventi internazionali
La presenza ai principali eventi del settore è un'occasione imperdibile per ammirare da vicino vetture leggendarie che hanno segnato generazioni di appassionati.
Gli ultimi eventi:
Cesana-Sestriere (IT) |
11 luglio 2021

Cesana-Sestriere
La Lancia Aurelia B20 del 1951 protagonista della parata.
Italia |
16-19 giugno 2021
1000 Miglia
La corsa più bella del mondo
Le storie Heritage
Raccontiamo un secolo di tecnica, stile, agonismo e performance. Raccontiamo la nostra storia, e le vostre.
Le ultime storie:
Il ritorno dell’Abarth 1000 SP
L’iconica Sport Prototipo ispira una versione one-off.
Fiat 127
La rivoluzione anteriore.
Lancia Flavia
La rivoluzione “tutto avanti” di Antonio Fessia
Il mondo di FCA Heritage è in continua evoluzione
Resta sempre aggiornato con le ultime news, non perderti le collaborazioni più recenti e scopri i retroscena e gli aneddoti nelle interviste agli addetti ai lavori.
Le Ultime News
15 luglio 2021
Fiat 500 F alla mostra “Automania” del MoMA
L’auto icona di stile e design italiano protagonista a New York.
5 luglio 2021
Fiat 130 HP al Trofeo Salvarola Terme
Lo straordinario cimelio storico protagonista del Concours d'Elegance.
Scopri i nostri club di marca e modello in tutto il mondo
Usa il nostro locator per trovare i club per marca e modello più vicini a te.
La storia di quattro grandi brand dell'automobilismo italiano
Dai modelli più rappresentativi ai personaggi più vincenti e rivoluzionari, dagli eventi che hanno rappresentato, questa sezione racconta e celebra i pilastri di Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
Da oggi la tua passione può contare su una squadra d'eccellenza
Certificato d'origine, certificazione d’autenticità, restauro. Per garantire il fascino senza tempo della tua auto.
La boutique del classico
Entra in un mondo fatto di passione. Un'ampia gamma di prodotti proposti da FCA Heritage per alimentare la tua passione senza tempo.
Indietro

Alfa Romeo 2000 Sportiva

Tecnologia, prestazioni e uno stile destinato a fare scuola.

Nel 1954 Bertone realizza per l’Alfa Romeo due prototipi, una spider e una coupé, da affiancare alle vincenti Alfa Romeo 1900 per estenderne il dominio nelle competizioni oltre la categoria Turismo. Pur non entrando in produzione, le due vetture segnano una tappa fondamentale nell’evoluzione stilistica della Casa: in particolare, le linee della 2000 Sportiva verranno riprese nell’iconica Giulietta Sprint.


Nel 1950 si realizza una tappa fondamentale nella storia dell'evoluzione industriale dell'Alfa Romeo, perché in quell’anno inizia la produzione della nuova berlina 1900 con il metodo della catena di montaggio, presso gli stabilimenti del Portello. La Casa del Biscione non solo cambia passo sull’onda della rinascita economica del dopoguerra, ma la ristrutturazione dei sistemi di fabbricazione modifica radicalmente l'organizzazione interna dell’azienda.

Sulla produzione in larga scala della “Millenove” l’Alfa concentra tutti gli sforzi, economici e umani, arrivando a decidere di lasciare – dopo averlo vinto due volte di seguito – il campionato del mondo di Formula 1. Ma l’impegno sportivo della Casa nelle competizioni non viene del tutto cancellato, anzi: proprio la 1900 diventa presto “l’auto di famiglia che vince le corse”. Sull’onda dei successi raccolti nella categoria Turismo, la dirigenza dell’Alfa Romeo incarica diversi carrozzieri italiani di studiare delle vetture da competizione, derivate dalla nuova berlina, da omologare anche nelle categorie GT e Sport.

La carrozzeria milanese Touring realizza, nel 1952, l’avveniristica Alfa Romeo 1900 C52, più nota come “Disco Volante” per l’originale carrozzeria bassa e larga oltre le carreggiate, che riecheggia le forme di un’astronave.

Nel 1954 anche il carrozziere torinese Bertone viene investito del compito di realizzare due prototipi, una spider e una coupé che diventano, rispettivamente, le Alfa Romeo 1900 Sport Spider e 2000 Sportiva, con l’intento di avviare in seguito la produzione di un centinaio di esemplari.

Cuore comune delle vetture è sempre il bialbero della 1900 cui viene aumentato l’alesaggio dei cilindri che, proprio grazie al diametro maggiore, attestano il volume del propulsore al massimo consentito nella Classe 2000. Con 1997 cc il motore eroga 136 CV a 6.500 giri al minuto, alimentato da due grossi carburatori doppio corpo che affiancano l’inconfondibile testata con il doppio albero a camme. Per lo specifico impiego sportivo il motore è anche dotato del sofisticato sistema di lubrificazione a carter secco.

La 2000 Sportiva nasce con un raffinato telaio a traliccio di lamiere d’acciaio, vestito da una leggera carrozzeria in lega d’alluminio, mentre l’impostazione tecnica resta la stessa della 1900 di serie: motore anteriore in posizione longitudinale e trazione posteriore. Le sospensioni sono indipendenti all’avantreno, mentre il retrotreno monta un sofisticato ponte de Dion con parallelogramma di Watt, con i freni a tamburo collocati all’uscita del differenziale invece che in prossimità dei mozzi ruota.

Spider e coupé, pur condividendo la meccanica, sono molto differenti come aspetto esteriore.

Alfa Romeo 2000 Sportiva - 1954
Alfa Romeo 2000 Sportiva - 1954
MOTORE
4 cilindri in linea, anteriore, longitudinale, lubrificazione a carter secco, doppio albero a camme in testa , due carburatori doppio corpo, 1997 cm³
POTENZA
138 CV a 6500 rpm
VELOCITÀ
220 km/h
PESO
915 kg
DESIGN
Bertone (Franco Scaglione)
CARROZZERIA
Coupé

Le linee aerodinamiche della 2000 Sportiva creano, in particolare nella parte posteriore della coupé, un nuovo rapporto tra lunotto, parafanghi, baule e fari. Elementi, questi, che costituiranno parte rilevante dei successi delle Alfa Romeo a venire.


È la matita di Franco Scaglione che disegna le differenti carrozzerie: la versione coupé viene battezzata “Sportiva”. L’aerodinamica è molto curata, a partire dalla bassa calandra ovale con il tipico scudetto Alfa Romeo stilizzato al centro. Una sottile cromatura ne delinea il contorno per proseguire lateralmente accennando così il paraurti anteriore. Nella parte inferiore del muso, molto affusolata, due feritoie alettate convogliano aria fresca verso i freni a tamburo anteriori. Il cofano basso è caratterizzato da una nervatura centrale che scende verso la calandra, mentre le calotte in plexiglass che ricoprono i fari completano il profilo aerodinamico dei due parafanghi.

L’abitacolo a due posti secchi è luminoso, con il parabrezza molto inclinato e i vetri laterali in plexiglass scorrevoli in senso longitudinale. L’ampio lunotto arrotondato caratterizza tutta la parte posteriore, sostenuto ai lati dai due parafanghi che accennano la bombatura a partire dalla fine della portiera per proseguire orizzontali creando una sorta di pinna, fino a ospitare le luci posteriori.

La sottile cromatura disegnata dal paraurti anteriore prosegue nelle fiancate sotto le portiere e si ripresenta nei parafanghi per contornare tutta la parte posteriore, interrompendosi con una leggera inclinazione verso il basso, per dare spazio alla luce targa. Sul baule posteriore, sotto lo stemma tondo Alfa Romeo, compare la dicitura “Sportiva” in corsivo, che viene replicata sulle fiancate insieme al logo Bertone.

In tutto Bertone realizza quattro vetture, due spider e due coupé che, malgrado le ottime prestazioni, restano le uniche prodotte. Ma la matita di Franco Scaglione sa sempre lasciare un segno distintivo e in particolare la parte posteriore della 2000 Sportiva viene subito ripresa nelle linee dell'elegantissima Alfa Romeo Giulietta Sprint che, precedendo la berlina, esce nello stesso anno dall’atelier di Bertone riscuotendo subito un grande successo.

Nel Museo Storico Alfa Romeo di Arese sono conservati due esemplari: una coupé nell’elegante livrea argento metallizzato e una Alfa Romeo 1900 Sport Spider rossa. Entrambe in perfetta forma sono spesso protagoniste di eventi particolari come la 1000 Miglia, dove, in quanto esemplari pressoché unici, vengono schierate come protagoniste nella speciale classifica riservata alle vetture di inestimabile valore collezionistico.

La seconda coupé 2000 Sportiva è ancora perfettamente conservata e funzionante. Non è più di proprietà dell’Alfa Romeo ma ha fattivamente contribuito alla realizzazione della collezione che oggi compone il parco auto del Museo di Arese. Per una nobile causa negli anni Settanta è stata ceduta ad un collezionista come pregiatissimo oggetto di scambio per entrare in possesso di una delle prime Alfa Romeo prodotte: una 20-30 HP.

Rimani aggiornato sulle news, gli eventi, gli approfondimenti dal mondo Heritage.