Il mondo di FCA Heritage
Tutto sul dipartimento che valorizza il patrimonio storico Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
La storia delle nostre auto e dei nostri marchi
La passione per le auto classiche non ha confini, ma esistono luoghi definiti nello spazio e sospesi nel tempo che conservano l'essenza di questa passione. Sono i luoghi di FCA Heritage.
Centro Storico Fiat
Heritage HUB
Officine Classiche
Museo Alfa Romeo
Heritage Gallery
Heritage Point
Un mondo di grandi eventi internazionali
La presenza ai principali eventi del settore è un'occasione imperdibile per ammirare da vicino vetture leggendarie che hanno segnato generazioni di appassionati.
Gli ultimi eventi:
Online |
5-8 giugno 2020
archivissima
Il festival nazionale degli archivi.
Parigi (FR) |
5-9 febbraio 2020
Rétromobile
Il Salone parigino dedicato alle auto classiche.
Le storie Heritage
Raccontiamo un secolo di tecnica, stile, agonismo e performance. Raccontiamo la nostra storia, e le vostre.
Le ultime storie:
Il ritorno dell’Abarth 1000 SP
L’iconica Sport Prototipo ispira una versione one-off.
Fiat 127
La rivoluzione anteriore.
Lancia Flavia
La rivoluzione “tutto avanti” di Antonio Fessia
Il mondo di FCA Heritage è in continua evoluzione
Resta sempre aggiornato con le ultime news, non perderti le collaborazioni più recenti e scopri i retroscena e gli aneddoti nelle interviste agli addetti ai lavori.
Le Ultime News
25 maggio 2021
Adi Design Museum
L’iconica Fiat 500 esposta tra le opere più rappresentative.
26 maggio 2021
Un tributo ad Alberto Ascari
La nostra preziosa Lancia D50 ospite dell’evento.
Scopri i nostri club di marca e modello in tutto il mondo
Usa il nostro locator per trovare i club per marca e modello più vicini a te.
La storia di quattro grandi brand dell'automobilismo italiano
Dai modelli più rappresentativi ai personaggi più vincenti e rivoluzionari, dagli eventi che hanno rappresentato, questa sezione racconta e celebra i pilastri di Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth.
Da oggi la tua passione può contare su una squadra d'eccellenza
Certificato d'origine, certificazione d’autenticità, restauro. Per garantire il fascino senza tempo della tua auto.
La boutique del classico
Entra in un mondo fatto di passione. Un'ampia gamma di prodotti proposti da FCA Heritage per alimentare la tua passione senza tempo.
Indietro

Alfa Romeo P3, la pietra miliare

Protagonista in pista

Nei primi anni Trenta l’Alfa Romeo domina i Gran Premi con la brillante Tipo B. Vince sin dall’esordio ed evolve negli anni fino a raggiungere i 330 CV per una velocità massima di 275 km/h. A pieno titolo è una delle pietre miliari della storia sportiva dell’Alfa Romeo.


Alla fine del 1931 Vittorio Jano viene incaricato di realizzare la monoposto Tipo B (in seguito ribattezzata P3), naturale evoluzione della Tipo A con cui i piloti del calibro di Nuvolari e Campari avevano già ottenuto importanti successi. Il progetto si rivela complesso da un punto di vista tecnico, ma dà origine ad una vettura imbattibile.

La Tipo A era dotata di due motori in linea disposti parallelamente e accoppiati a due cambi, soluzione potente ma particolarmente laboriosa da mettere a punto. La nuova creatura, invece, impiega un solo 8 cilindri in linea costituito da due blocchi con teste fisse in lega d’allumino, ciascuno col suo albero a camme in testa: una cascata di ingranaggi collocata tra i due blocchi provvede al movimento di entrambi. Il “doppio 4 cilindri” è alimentato da due carburatori e sovralimentato con due compressori volumetrici coassiali tipo Roots mossi sempre dalla cascata d’ingranaggi centrale. Il propulsore ha una cubatura di 2.654 cm3 e sviluppa una potenza massima di 215 cavalli a 5.600 giri/minuto. 

La trasmissione - in particolare il gruppo differenziale e semiassi - presenta una configurazione peculiare. Il motore è collocato in posizione anteriore longitudinale, con frizione multi disco a secco e il cambio a quattro marce. Dall’uscita del differenziale, che è a ridosso del cambio, partono i due semiassi disposti a “V” che trasmettono il moto alle ruote posteriori attraverso coppie coniche di ingranaggi. La soluzione studiata da Jano consente di collocare il sedile del pilota all’interno della V dei due semiassi abbassando così il baricentro della vettura.

ALFA ROMEO P3 (Tipo B) - 1932
ALFA ROMEO P3 (Tipo B) - 1932
MOTORE
8 cilindri in linea, anteriore longitudinale, doppio blocco, 2 testate in alluminio, 2 alberi a camme in testa, 2 carburatori con 2 compressori tipo Roots, 2654 cm³
POTENZA
215 CV a 5.600 giri/minuto
VELOCITÀ
232 km/h
PESO
700 kg
DESIGN
Alfa Romeo
CARROZZERIA
Grand Prix

L’esordio vincente avviene a Monza, al Gran Premio d’Italia del 1932: Nuvolari domina la competizione dando inizio alla lunga serie di vittorie che faranno della P3 una delle Alfa Romeo più vincenti di sempre.


L’edizione del Gran Premio d’Italia del 1932 vede l’impiego del tracciato originale del Circuito di Monza, con l’uso della pista stradale e dell’anello dell’alta velocità per un totale di 10 chilometri a giro. In cinque ore di gara, dopo 83 giri, Tazio Nuvolari domina doppiando anche la nuova Maserati V5 16 cilindri di Fagioli, che giunge secondo. È l’inizio di una lunga serie di vittorie - nel 1932 Nuvolari conquista anche il Campionato Automobillistico Internazionale - che spinge l’Alfa Romeo a proseguire nel costante sviluppo della monoposto.

Nel 1934 il motore sale a 2.905 cm3 e la potenza a 255 cavalli. Nel corso della stagione successiva la gestione passa alla Scuderia Ferrari che modifica le sospensioni e l’impianto frenante, che diventa a comando idraulico: la cilindrata viene ulteriormente incrementata a 3.165 cm3 e il motore sviluppa 265 cavalli. L’ultima evoluzione fa il suo esordio al Gran Premio di Francia nel 1935: 3.822 cm3 dai quali scaturiscono 330 cavalli.

Il Gran Premio di Germania del 1935 entra a buon diritto nella storia dell'automobilismo sportivo per la clamorosa vittoria di Nuvolari, forse la più significativa nella carriera del pilota mantovano, che riesce a imporsi sul circuito del Nurburgring battendo le agguerrite Mercedes e Auto Union proprio in terra tedesca.

In quegli anni, oltre alle poche gare valevoli per il Campionato europeo di automobilismo, venivano organizzati numerosi Gran Premi - altrettanto importanti e prestigiosi - che si svolgevano un po’ in tutt’Europa. È il caso dell’unica edizione del Gran Premio di Montreux, in Svizzera, che vede il 3 giugno 1934 vincere il Conte Carlo Felice Tossi al volante dell’Alfa Romeo P3 della Scuderia Ferrari.

Leggi le storie delle auto che FCA Heritage porta a Passione Alfa Romeo:
Alfa Romeo GP Tipo 159 Alfetta: Trionfa nel campionato F1 del 1951
Alfa Romeo 1900 Super Sprint: La preferita dai gentleman driver
Alfa Romeo Giulia 1750 GT Am: La GTA... maggiorata
Alfa Romeo 33 TT 12: Vinse il Mondiale Marche nel 1975
Alfa Romeo 6C 1750 Gran Sport: Pietra miliare dell’Alfa Romeo

Rimani aggiornato sulle news, gli eventi, gli approfondimenti dal mondo Heritage.